Skip Navigation LinksHome Page > Santi Paolini > Beato Giaccardo - Un nuovo fiore

Beato Giaccardo

Un nuovo fiore Incontro provvidenziale Potenza della vocazione Primo sacerdote Ti mando a Roma Cuore e anima Dalla morte alla vita

«Al sacro fonte battesimale mi imposero anche il nome di Antonio che significa “nuovo fiore”:
Signore, che io sia nuovo fiore, e giardiniere di gigli, di viole, di margherite»

"Beato Giaccardo"

Un nuovo fiore

Il beato Timoteo Giaccardo nacque il 13 giugno 1896 a Narzole, diocesi di Alba e provincia di Cuneo. I genitori, poveri e timorati di Dio, lo fecero battezzare lo stesso giorno della nascita. Gli fu imposto come primo nome Giuseppe per cui sarà chiamato familiarmente «Pinòtu». Il nome di don Timoteo gli sarà imposto, come d’uso allora presso i religiosi, il 30 giugno 1920 in occasione della rinnovazione dei voti. Don Alberione scelse per il primo sacerdote della neonata Famiglia Paolina il nome del primo fedele discepolo di san Paolo.

A sei mesi una grave malattia fece temere per la vita del piccolo Giuseppe, ma al termine di una novena alla Vergine, i genitori ebbero la gioia di vederlo guarito. Fu ammesso alla prima comunione assai per tempo rispetto alla consuetudine dell’epoca e da allora Giuseppe fu sempre più assiduo ai sacramenti e alla chiesa in qualità di chierichetto.

Frequentò la scuola elementare con impegno ottenendo sempre ottimi risultati e incoraggiamenti lusinghieri per continuare gli studi. A dodici anni, il 12 settembre 1908, festa del Nome di Maria, ricevette il sacramento della cresima.

Gallery